Definire i Social Media.

Social media
Social media, social, social media, un mondo sotto social, film un mondo sotto social, social media manager, social network, social media marketing, memory film,

di Sergio Mauri

Quali sono le componenti principali dei social media?

I social media, così come definiti da Andreas Kaplan, professore di Marketing e Direttore Accademico dell’ESCP, Europe Business School, conosciuto per il suo articolo Users of the world, unite! The challenges and opportunities of social media redatto con Michael Haenlein e pubblicato sulla rivista economica Business Horizons, sono un gruppo di applicazioni Internet basate sui presupposti ideologici e tecnologici del Web 2.0, che consentono la creazione e lo scambio di contenuti generati dagli utenti. Componente essenziale del fenomeno è l’Influencer Marketing: i Social Media Influencer riescono a generare un ROI 11 volte maggiore di qualsiasi altra strategia di marketing digitale. Non a caso il 94% dei social media marketer dichiara di avere raggiunto, grazie alla loro collaborazione, degli ottimi risultati e li considera parte integrante delle loro strategia di social media marketing.

La definizione stessa di Social media è a volte sfuggente, è considerata più vicina al gergo del marketing, che a solide teorie economiche; per questa ragione può essere difficile trovare esempi concreti, specie per quanto riguarda il mondo delle aziende e delle organizzazioni. I professori Andreas Kaplan e Michael Haenlein, in un loro articolo hanno definito gli stessi come un gruppo di applicazioni web basate sui presupposti ideologici e tecnologici del Web 2.0.

I social media hanno portato parecchi cambiamenti alla nostra vita, alcuni di questi sono positivi, mentre altri lo sono di meno. È però indubbio il fatto che l’importanza di queste tecnologie diventi sempre maggiore con il passare del tempo: i social media sono diventati una parte integrante della nostra società, hanno trasformano il nostro modo di agire e comunicare e soddisfano una significativa parte dei nostri bisogni. Proprio per questo motivo è indispensabile saper sfruttare al meglio i vantaggi che derivano da questa trasformazione.

Oggi esiste una grande varietà di piattaforme sociali. Inoltre, si possono considerare social media anche blog, mondi virtuali di gioco e sociali, progetti collaborativi come Wikipedia. Tuttavia, tra i social più diffusi restano sicuramente quelli che tutti associamo a questo termine: Facebook.

I social media sono diversi dai media industriali come giornali, televisione e cinema. Mentre i social network sono strumenti relativamente a basso costo che permettono a chiunque (anche soggetti privati) di pubblicare e avere accesso alle informazioni, i media tradizionali richiedono cospicui investimenti finanziari per pubblicare informazioni. Tra le voci di spesa dei media industriali vi sono per esempio le sedi e i mezzi di produzione (stabilimenti tipografici, strumenti e impianti radio-televisivi, studi e teatri di posa ecc.), gli stipendi degli addetti, le autorizzazioni statali, gli obblighi fiscali e previdenziali. I media industriali sono comunemente definiti “tradizionali”, “broadcasting”, o “mass media”. Una caratteristica che accomuna social media e media industriali è la capacità di ottenere un’audience sia vasta che ridotta; sia il post di un blog che una trasmissione televisiva possono raggiungere milioni di persone oppure nessuno.

Sergio Mauri
Autore Sergio Mauri Blogger e studioso di storia, filosofia e argomenti correlati. Premio speciale al Concorso Claudia Ruggeri nel 2007; terzo posto al Premio Igor Slavich nel 2020. Ha pubblicato con Hammerle Editori nel 2014.