Statuto del PCI approvato al V Congresso.

Statuto del PCI approvato al V Congresso
comunismo, pci, Statuto del PCI approvato al V Congresso, partito comunista italiano, pci partito

di Sergio Mauri

L’unità, 1° gennaio 1947, tratto da Angela Zanotti, Impegno e critica, nota 25 pag. 42

  1. Il PCI non è un partito ateo perché accetta nelle sue file fedeli di qualsiasi religione;
  2. L’adesione al PCI non implica l’accettazione delle dottrine filosofiche del materialismo;
  3. L’anticlericalismo è sempre stato condannato e lo è tuttora dal PCI.

L’ostilità che questa linea incontrava è provata dal fatto che i leader e i quadri intermedi sentivano costantemente il bisogno di ammonire contro i pericoli dell’’operaismo’ e di un’ostilità aperta contro l’adesione indiscriminata di elementi ‘borghesi’. Ancora nel 1947, alla Conferenza nazionale di organizzazione del PCI, Pietro Secchia, responsabile dei problemi organizzativi, rilevava: ‘… permane in molti, nell’organizzazione, un forte residuo di operaismo. Dobbiamo riuscire a penetrare in tutti gli strati di popolazione di provincia e particolarmente tra i ceti medi di città e di campagna, tra i tecnici, tra i professionisti, tra gli intellettuali. Vi sono ancora troppe e ingiustificate prevenzioni e diffidenze verso gli intellettuali…’.

Sergio Mauri
Autore Sergio Mauri Blogger e studioso di storia, filosofia e argomenti correlati. Premio speciale al Concorso Claudia Ruggeri nel 2007; terzo posto al Premio Igor Slavich nel 2020. Ha pubblicato con Hammerle Editori nel 2014.