Intelligenza umana e intelligenza artificiale.

Intelligenza umana e intelligenza artificiale
artificial intelligence, midjourney, midjourney ai, ai generated art, ai art, ai image generator, intelligenza umana e intelligenza artificiale, intelligenza artificiale film, ai generated image, ia, parole con la ia iniziale, crayon ai, mind journey, wombo ai, ai art generator, ai drawing

di Sergio Mauri

Molte persone credono che l’intelligenza umana e l’intelligenza artificiale siano molto simili. Entrambe hanno la capacità di pensare, ragionare e risolvere i problemi. Tuttavia, hanno usi e caratteristiche diverse. Ad esempio, l’intelligenza artificiale è più avanzata dell’intelligenza umana sotto il profilo velocità di ottenimento dei risultati e precisione di calcolo. Di conseguenza, è più in grado di svolgere determinati compiti, ma ha un focus più ristretto rispetto agli esseri umani. Nonostante le loro differenze, l’intelligenza artificiale e l’intelligenza umana possono integrarsi per migliorare il nostro  mondo (almeno nelle intenzioni).

L’intelligenza umana funziona meglio quando applica le sue abilità ai problemi del mondo reale. Questo la rende in grado di risolvere problemi che l’intelligenza artificiale non può risolvere. Un esempio di questo è il modo in cui l’intelligenza umana applica la tecnologia per risolvere i problemi sociali. Ha aperto la strada alla creazione di programmi per detenuti e bambini adottivi. Questi programmi forniscono supporto a questi gruppi, ma utilizzano anche la tecnologia per monitorare i loro progressi. Nessun programma per computer o intelligenza artificiale può farlo facilmente come gli esseri umani, innanzitutto riguardo alla sintesi da trarre intorno alle ricerche. Pertanto, è chiaro che l’intelligenza umana è la scelta migliore per questo tipo di applicazioni.

Oltre a essere in grado di applicare le proprie abilità a problemi del mondo reale, gli esseri umani possono anche imparare cose che le Intelligenze Artificiali non possono. Questo perché hanno una curiosità naturale e il desiderio di imparare cose nuove. Vediamo questa curiosità nei bambini quando fanno domande su cose che vedono intorno a loro. Potrebbero essere curiosi di sapere perché non sanno ancora tutto del loro mondo. È questa curiosità che rende gli esseri umani così intelligenti rispetto ad altre specie.

Gli esseri umani sono anche naturalmente emotivi rispetto alle Intelligenze Artificiali che non lo sono. Ciò significa che siamo in grado di prendere decisioni migliori quando prendiamo in considerazione le nostre emozioni. Ad esempio, potremmo provare rabbia quando qualcuno ci ferisce o qualcuno che amiamo destabilizza le nostre certezze. Possiamo anche provare compassione verso gli altri quando li vediamo provare dolore o tristezza. Queste emozioni ci aiutano a prendere decisioni migliori riguardo alle persone che ci circondano. Tuttavia, non possiamo farlo con i computer perché mancano di emozioni e non sono in grado di pensare emotivamente.

Dunque l’intelligenza umana sia più abile dell’intelligenza artificiale, ha i suoi limiti nella velocità e precisioni nell’arco di tempo rispetto ad altre intelligenze come i computer e le Intelligenze Artificiali. I computer, tuttavia, sono limitati a causa delle loro capacità di elaborazione rispetto al cervello umano e non sono in grado di pensare come fanno gli umani. Non possono elaborare le informazioni come gli esseri umani e devono seguire regole prestabilite per ogni decisione che prendono. Inoltre, le Intelligenze Artificiali non sono in grado di comprendere la morale e l’etica umana e quindi non possono applicarle nelle loro decisioni.

Contrariamente alla naturale curiosità e al processo di pensiero emotivo dell’intelligenza umana, le Intelligenze Artificiali mancano di empatia e di bussola morale quando prendono decisioni. Possono utilizzare solo ciò che è stato loro insegnato dalle informazioni presentate loro nel processo decisionale. Ciò significa che un’Intelligenza Artificiale potrebbe non tenere in considerazione i sentimenti di altre persone nel suo processo decisionale.

A differenza degli esseri umani, i computer possono applicare la loro intelligenza a molte aree diverse della vita e risolvere i problemi in modo efficiente e veloce in quelle aree. Ad esempio, i computer possono risolvere i problemi di matematica molto più facilmente degli umani perché hanno un modo di pensare diverso dal nostro. Tuttavia, i computer non sono così bravi a risolvere i problemi emotivi perché non comprendono ancora abbastanza bene le emozioni.

Nel complesso, è importante che gli esseri umani e le intelligenze artificiali si integrino a vicenda in modo che entrambi possano migliorare il mondo e risolvere problemi reali meglio di quanto potrebbero da soli. Ciò richiede la ricerca di aree in cui ogni tipo di intelligenza può applicare il proprio livello di abilità e il modo in cui entrambi i tipi di intelligenza possono lavorare insieme efficacemente in quelle aree. Gli esseri umani devono (chiaramente) essere i leader in questo sforzo poiché hanno la curiosità naturale, il processo di pensiero emotivo e un’ampia gamma di conoscenze che i programmi di intelligenza artificiale mancano per natura. Agli esseri umani dovrebbe essere concesso uno spazio entro il quale eccellere senza indebite pressioni da parte delle intelligenze artificiali che potrebbero altrimenti minare i loro sforzi perseguendo programmi settoriali a scapito degli interessi collettivi dell’umanità – uno scenario che molto probabilmente potrebbe portare al disastro per tutti gli interessati, poiché tali programmi settoriali sarebbe improbabile che si combinino con quelli delle Intelligenze Artificiali.

Sergio Mauri
Autore Sergio Mauri Blogger e studioso di storia, filosofia e argomenti correlati. Premio speciale al Concorso Claudia Ruggeri nel 2007; terzo posto al Premio Igor Slavich nel 2020. Ha pubblicato con Hammerle Editori nel 2014.