Alì il magnifico di Paul Smail.

Jack Alain Léger
Jack Alain Léger, daniel théron, paul smail, alì il magnifico, ali il magnifico, letteratura, letteratura francese, sid alì b.,

di Sergio Mauri

Alì il magnifico di Paul Smail, pseudonimo di Jack-Alain Léger, è stato uno dei migliori libri che abbia letto. È la storia di Sid Alì B. il giovane serial-killer francese dei sacchetti di plastica. Un serial-killer che ascolta Mozart, in grado di citare a memoria Rimbaud, conoscitore accurato della letteratura francese, un ragazzo che veste solo brand sportivi di colore bianco. Alì il magnifico è un libro di oltre 500 pagine di lucida follia.

È nel linguaggio, oltre che nel citato, dalla critica, libero flusso di coscienza, che si esplicita la grandezza di quest’opera. Un linguaggio a tratti visionario, ma più precisamente in cui sono presenti molteplici piani espressivi: dal chiamare in causa diverse lingue, ai testi delle canzoni, a quelli poetici, ai film, alla loro contestualizzazione spesso spiazzante, tutto concorre a costruire una narrazione tanto vorticosa quanto repellente qualsiasi conformismo.

Questo è uno dei lasciti più coscientemente voluti di Léger, morto suicida nove anni fa.

Il tema del consumismo, quello della morte (e della vita), quello dell’omosessualità, della (dirompente) multiculturalità e multi religiosità, non hanno nulla di oscuro o di moralistico in quest’opera: sono, al contrario, trattati con la naturalezza, con la spontanea espressività implicita delle manifestazioni del prisma comportamentale umano. Dell’umano essi sono una necessaria dimensione effettuale ed espressiva, un esito possibile e praticabile/praticato, nulla di emarginabile e deprecabile.

Sergio Mauri
Autore Sergio Mauri Blogger e ideatore e-learning. Premio speciale al Concorso Claudia Ruggeri nel 2007; terzo posto al Premio Igor Slavich nel 2020. Ha pubblicato con Terra d’Ulivi nel 2007 e nel 2011, con Hammerle Editori nel 2014 e con Historica Edizioni nel 2022.