L’estinzione dello Stato in Kant.

L'estinzione dello Stato in Kant
L'estinzione dello Stato in Kant, immanuel kant, pensiero illuminista, pensiero moderno, regno dei fini, studio su kant, critica della ragion pura, critica della ragion pratica, legge morale kant, kant, kant filosofia, hegel, filosofia, filosofi, filosofo, scritti filosofici di leopardi, filosofia significato, john locke, thomas hobbes, hobbes filosofo, giuspositivismo, leviatano hobbes, hobbes filosofia, stato di natura hobbes, bill of rights, grozio, locke filosofia, empirismo locke,

di Sergio Mauri

Un ulteriore passo in avanti rispetto alle teorie assolutistiche di Hobbes e Locke, che vedono nello Stato “il male necessario”, in Kant è quello della (possibile) estinzione dello Stato nel cosiddetto “regno dei fini”. “Regno dei fini” che sembra più un espediente per chiudere la propria argomentazione teoretica che non un qualcosa di dimostrabile in concreto. Non si capisce, infatti, da cosa scaturirebbe il “regno dei fini” se non, come affermato da Kant stesso, dalla trasformazione del cittadino/suddito in una “persona morale”, trasformazione attuabile solo se si presume un ruolo demiurgico della ragione, snodo centrale, quest’ultima, di tutta la riflessione kantiana.

Il limite dell’argomentazione kantiana risiede, dunque, nell’indimostrabilità del passaggio al “regno dei fini” che decreterebbe la fine della necessità dello Stato. L’argomentazione, allora, in tal caso, andrebbe ridotta a topos utopico, ovvero a punto di riferimento ideale irraggiungibile, situato fuori dallo spazio e dal tempo a noi conosciuti e conoscibili.

Sergio Mauri
Autore Sergio Mauri Blogger e ideatore e-learning. Premio speciale al Concorso Claudia Ruggeri nel 2007; terzo posto al Premio Igor Slavich nel 2020. Ha pubblicato con Terra d’Ulivi nel 2007 e nel 2011, con Hammerle Editori nel 2013 e 2014 e con Historica Edizioni e Alcova Letteraria nel 2022.