Sarzana 1921 e Vincenzo Trani.

Targa_fatti_di_Sarzana
Targa_fatti_di_Sarzana

Il 17 luglio 1921 Sarzana è al centro di uno degli episodi più emblematici degli anni dell’ascesa del fascismo: una spedizione squadrista proveniente da Avenza, capeggiata da Renato Ricci (futuro comandante della GNR nella Repubblica Sociale), ingaggia un conflitto a fuoco con un gruppo di Arditi del Popolo; i carabinieri, intervenuti, arrestano 11 fascisti, compreso Ricci. Il 21 luglio, per liberare i loro camerati, giungono a Sarzana 500-600 squadristi, capeggiati da Dumini (passerà alla storia per l’omicida di Matteotti); ingaggiata una sparatoria, 5 fascisti rimangono uccisi, mentre gli altri si danno ad una fuga disordinata nei campi, incalzati dalla popolazione e dagli Arditi del Popolo. Il bilancio, alla fine, è di 18 morti e 30 feriti.

Il libro di Luigi M. Faccini Un poliziotto perbene è incentrato sulla figura di Vincenzo Trani, ispettore generale di P.S. inviato a Sarzana dal Presidente del Consiglio Ivanoe Bonomi in seguito ai fatti. Trani, uomo fedele allo Stato di diritto, appura che a sparare per primi furono i fascisti.Nella prima e unica occasione in cui le forze dell’ordine si muovono apertamente contro la violenza e la brutalità dello squadrismo, Trani interpreta il ruolo dell’uomo – non certo di sinistra – che perde reputazione e carriera ponendosi nel difficile ruolo di “ago della bilancia” tra le forze schierate: da un lato la difficile e labile convivenza tra socialisti e comunisti alla base delle organizzazioni; dall’altro le camicie nere inferocite dallo smacco subito; nel mezzo la popolazione di Sarzana, amministrata dai socialisti, reduce da mesi di violenze perpetrate in tutta la Lunigiana. Nel quadro di una situazione governativa delicata e dominata dall’ambiguità.
A Trani Faccini dedica anche un film, Nella città perduta di Sarzana (cast: Riccardo Cucciola, Bruno Corazzari, Franco Graziosi). L’aggettivo “perduta” del titolo allude alla tesi di fondo: la città che Mussolini definiva tale in quanto ormai dominata dai socialisti rappresenta in realtà un’occasione perduta per la democrazia italiana e, in particolare, per la sinistra: il 23 luglio 1921, due giorni dopo i fatti, i socialisti votano contro il programma di Bonomi che ottiene egualmente la maggioranza con i voti della destra; il 3 agosto il Partito socialista stipula con quello fascista un patto di pacificazione che, in pratica, lascia la sinistra italiana in balia del fascismo armato.

Be the first to comment on "Sarzana 1921 e Vincenzo Trani."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*