L’attentato a Daria Dugina.

L'attentato a Daria Dugina
guerra, ucraina, putin, guerra ucraina, guerra russia ucraina, putin guerra, guerra ucraina russia putin, guerra russia ucraina oggi, russia guerra, russia ucraina, dugin, alexander dugin, aleksandr dugin, attentato daria dugina, attentato mosca

di Sergio Mauri

La morte di Daria Dugina in un attentato alla periferia di Mosca ci può dire alcune cose. Innanzitutto, anche se non sappiamo ancora nulla di certo sulla matrice, i mandanti e le finalità, tutte cose che richiederanno tempi lunghi per avere un minimo di spiegazione sensata, innanzitutto, dicevo, che chi ha compiuto questo attentato è di un certo livello organizzativo. Non è necessariamente un gruppetto che si è mosso da Kiev ad averlo fatto, anche se i mandanti potrebbero essere in Ucraina. Ma forse più probabile ancora è che i mandanti siano interni alla Russia stessa. La prima cosa che mi viene in mente, forse la più banale, è che l’attentato sia contro la politica di Putin. Questo potrebbe essere, ma non nel senso di un riavvicinamento all’Occidente e per la fine del conflitto in Ucraina, ma ipoteticamente per portare, come sempre fanno gli attentati terroristici, a un inasprimento delle misure interne ed esterne che la Russia dovrebbe e potrebbe adottare nel solco dei propri interessi. Potrebbe pure esserci uno scontro interno alla classe dirigente russa, ma non nel senso di uno scontro democrazia/autocrazia tanto caro agli occidentali, ma tra una fazione più estremista di Putin e Putin stesso. Sono tutte ipotesi. Vedremo quanti anni o decenni serviranno a chiarire questo episodio in terra russa.

** AGGIORNAMENTO **

L’FSB ha annunciato che l’indiziata numero uno sarebbe una donna ucraina, ora rifugiata in Estonia (!) che abitava nello stesso condominio di Dugin (!!).