Flacons In The Air #14 [Video]. Strategie di autodifesa del capitalismo europeo.

Europa
Europa

#Europa #Attualità #Politica L’area di libero scambio dell’Unione Europea è un mercato costruito politicamente in cui vi è un relativo libero spostamento di lavoratori, capitali e merci. Salvini, Grillo e compagnia, hanno più di una volta apertamente dichiarato di non voler rimanere all’interno di quest’area di libero scambio, finché i suoi trattati “manterranno il principio del libero movimento dei lavoratori”. Perciò, costoro non si oppongono all’area di libero scambio, né al libero movimento di capitali e merci, ma al libero spostamento delle persone. Quando si parla delle dinamiche della domanda e dell’offerta, dobbiamo applicarla all’intera area di libero scambio. Allora, il discorso è semplice. Se si impongono restrizioni al libero movimento di lavoratori, specialmente quando il capitale ha ancora libertà di movimento si creano più disoccupazione e bassi salari. Perché? Perché, se i lavoratori non si possono muovere dove c’è il lavoro, sono bloccati a farsi concorrenza dove il lavoro non c’è. Ciò sostiene artificialmente alti tassi di disoccupazione e porta giù i salari. Qualcuno potrebbe avere la balzana idea di introdurre delle leggi (vedi la Lega) per prevenire i lavoratori dall’emigrare da Torino a Milano. Bene, con una visione Milano-centrica, possiamo pensare che un tasso minore di migrazione al nord potrebbe creare un mercato del lavoro più ristretto e salari migliori. Ma, visto che la legge della domanda e dell’offerta non funziona solo a Milano, gli effetti aggregati di questa politica sull’intera economia porterebbero a diminuire l’occupazione. Questo in virtù del fatto che il mondo degli affari si sposterebbe da Milano a Torino per beneficiare dei bassi salari in un’area che ha forza-lavoro e infrastrutture comparabili, per cui l’effetto di ciò si noterebbe con una discesa dei salari. Il fatto che l’area di libero scambio europea sia composta da mercati nazionali, aggiunge ulteriori dimensioni alla questione. All’interno di ogni mercato nazionale vi è un costo medio del lavoro, determinato in parte da vari dati di input come il costo del cibo, della casa, dei trasporti, dei figli e così via. Se il costo del lavoro è più basso in un mercato nazionale rispetto ad un altro, come di solito succede, allora considerate l’effetto di avere un libero movimento di capitali senza un movimento libero di lavoratori. Alcune attività sarebbero autorizzate a muovere le proprie produzioni verso aree con bassi costi del lavoro, fatta salva la presenza di un forza-lavoro con esperienza ed istruzione adeguate ed infrastrutture decenti, aggiungendo così una pressione alla contrazione dei salari. Da una parte, se i lavoratori non si possono muovere all’estero a trovarsi dei lavori meglio pagati, allora non vi sarà nulla a contrastare questa tendenza alla contrazione salariale. Dall’altra, se i lavoratori possono spostarsi all’estero, non solo ciò ridurrà l’esercito industriale di riserva in un’economia in depressione salariale, ma il costo relativamente più basso di questi all’estero permetterà, con ogni probabilità, agli imprenditori dell’economia a più alta remunerazione salariale di creare nuovi posti di lavoro che altrimenti non sarebbero stati creati. In altre parole, l’occupazione aumenta mentre la pressione ribassista sui salari creata attraverso la relativa libertà di movimento, per i datori di lavoro, sarà contrastata. Riassumendo: i controlli sull’immigrazione in un mercato dove i datori di lavoro hanno libertà di azione, fanno diminuire sia l’occupazione che i salari. Questi controlli abilitano i datori di lavoro a sfruttare i lavoratori ai loro prezzi più bassi mentre, al tempo stesso, ridurrebbero salari e condizioni di lavoro per tutti i lavoratori in quel mercato.

Be the first to comment on "Flacons In The Air #14 [Video]. Strategie di autodifesa del capitalismo europeo."

Leave a comment