Tre aggiunte sulla Val Rosandra.

Val Rosandra
Val Rosandra

Mi riferisco al post apparso su Giap il 4 Aprile ultimo scorso, a proposito dello scempio della Val Rosandra. Tre piccole aggiunte a mo’ di integrazione a quanto detto:

1) @tuco: la Premolin non è del tutto contraria al rigassificatore. Ha proposto, con Nesladek, Sindaco di Muggia, di spostarlo a mare;

2) @tuco: il grosso degli sloveni viveva e vive in città, non sul Carso, come comunemente si crede, per cui lo scontro non è tra città italiana e contado sloveno, ma tra diversi interessi economici in cui si inserisce anche lo scontro tra città e campagna;

3) @dzzz: gli sloveni “colonizzati” nel dopoguerra non hanno opposto la stessa resistenza dell’epoca del fascismo perché, fondamentalmente, anche loro hanno usufruito delle prebende assegnate alle regioni a Statuto Speciale. A differenza dell’epoca del fascismo, essi hanno delle associazioni imprenditoriali, culturali e politiche che ne curano gli interessi. Non possiamo, infatti, definirla come una minoranza oppressa se non sul piano strettamente culturale, in una sorta di bantustantizzazione interna alla città.

Be the first to comment on "Tre aggiunte sulla Val Rosandra."

Leave a comment