Letture di primavera.

Il racconto Scrivimi dei morti è online in questa pagina . L’intenzione era quella di sezionare l’opera e capire perché era stata scritta proprio così. Autoanalisi o tentativo critico ? Credo entrambi. Il sottotitolo recita:

un’opera aperta ma non troppo

visto che era mia intenzione emendare il testo e la fase auto-analitica o critica era solo un espediente per farlo.

Un lettore commenta:

Mi hai chiesto di leggere questo tuo lavoro e di lasciarti un parere, un commento, un’opinione.
Non è cosa facile. Tuttavia a botta calda potrei sottolineare come mi ritrovi nel disagio della mediocrità dilagante, come sia molto presente in me la frustrazione del quotidiano, come si avverta la profonda sofferenza che deriva dalla consapevole impotenza a rovesciare il progresso…
Ci sarà spazio e tempo per parlarne, magari scombinando le prospettive.

Dal sito Terra d’Ulivi:

Un libro bifronte che da un lato ci presenta il vincitore e l’autore segnalato dalla giuria per la sezione poesia, mentre dall’altro lato troviamo il vincitore e l’autore segnalato dalla giuria per la sezione scrittura creativa. Quattro autori diversissimi fra loro che vale la pena conoscere.

1 Comment on "Letture di primavera."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*