Considerazione sui regimi.

VoterMarch_Regime_change
VoterMarch_Regime_change

Il fronte critico verso il nuovo regime raggiunge soltanto l’uditorio che di queste critiche non ha bisogno. Il regime (essendo esso generalmente una forma di governo) di populismo mediatico, è instaurato giorno per giorno ed è fondato sull’identificazione del Partito, del Paese e dello Stato con una serie di interessi aziendali, mettendo in opera una occupazione graduale dei media più importanti, cercando di mettere mano con cordate o altre operazioni finanziarie sulle testate ancora indipendenti e creando con mezzi adeguati forme di consenso fondate sull’appello populistico.

Berlusconi non si muoveva come uno statista e neppure come un politico tradizionale, ma secondo tecniche che si presentano adeguate ai principi di un regime democratico.

Come sintesi di tutto ciò, egli ha superato la fase del conflitto d’interessi per realizzare ogni giorno di più l’assoluta convergenza di interessi, facendo accettare al Paese l’idea che i suoi personali interessi coincidano con quelli della comunità nazionale.

Perché ho finora parlato al presente? Perché il regime continua, ha soltanto assunto forme diverse, meno invasive, apparentemente più blande e responsabili. Tuttavia, sempre di populismo mediatico si parla, allorquando si bombarda l’italiano con i messaggi sulla necessità dell’austerità da una parte e attraverso una assoluta preponderanza della cronaca sulla informazione.

Be the first to comment on "Considerazione sui regimi."

Leave a comment