Prezzi alimentari in Europa e inflazione cinese.

FAO_Food_Price_Index
FAO_Food_Price_Index

I prodotti alimentari in Europa accelerano e parecchio. E’ la BCE a confermarlo e la ragione fondamentale risiede nell’aumentata richiesta di carne e prodotti alimentari freschi in Cina. Ormai i prezzi si fanno a livello mondiale. Queste tensioni sulle materie prime agricole hanno innescato incrementi dei prezzi alimentari fino al 30%. Le materie prime che sono aumentate di più sono: cereali, semi oleosi, olii, bevande, zucchero e tabacco.

In particolare in Italia negli ultimi 12 mesi il prezzo del pane risulta aumentato del 4,2 %, il riso e la pasta, i cereali e le farine registrano un aumento tendenziale sul 3%. Anche la carne (grazie all’immenso mercato cinese) è aumentata del 2,4 % e la frutta del 6,1. Gli aumenti non penalizzano solo i cittadini lavoratori am anche le imprese che si vedono costrette ad aumenti dei prezzi, col rischio di perdere quote di mercato.

Ma possiamo stare tranquilli e accontentarci delle parole dei nostri politici: “In tutta la filiera c’è la possibilità di assorbire al meglio tutti i rincari”. Per inciso, nella filiera dei rifornimenti alimentari i prezzi aumentano più o  meno di 70 volte per il grano e i dolci e di 12 volte per il pane.

Il governo tace o, se ci va bene, si occupa degli inquilini importanti di Palazzo Chigi. Quelli che non hanno problemi coi prezzi alimentari.

Be the first to comment on "Prezzi alimentari in Europa e inflazione cinese."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*