Il periodo napoleonico.

Il periodo napoleonico
Il periodo napoleonico, napoleone bonaparte riassunto, luigi bonaparte, luigi napoleone bonaparte, rivoluzione francese, napoleone iii, napoleone bonaparte vita, moglie di napoleone bonaparte, morte di napoleone bonaparte, morte di napoleone bonaparte, li nominava napoleone bonaparte, napoleone bonaparte altezza, napoleone bonaparte mappa concettuale, vittoria napoleone savona, napoleone, bonaparte, morte napoleone, napoleone russia, cavallo napoleone, waterloo napoleone, napoleone esilio, domande su napoleone bonaparte,

di Sergio Mauri

  1. L’ascesa di Napoleone iniziò con la campagna d’Italia contro l’Austria.
  2. Il primo popolo europeo che si ribellò all’occupazione francese fu quello spagnolo.
  3. Tra i principi ispiratori del Codice napoleonico vi furono l’uguaglianza giuridica e la libertà individuale.
  4. Napoleone instaurò un regime autoritario e personalistico con l’appoggio dell’alta borghesia.
  5. Durante il regime napoleonico la libertà di stampa e la libertà di associazione vennero fortemente limitate.
  6. Dopo la battaglia di Waterloo Napoleone fu costretto all’esilio nell’isola di Sant’Elena.
  7. Il trattato di Campoformio determinò la cessione di Venezia all’Austria.
  8. A Trafalgar la flotta francese fu sconfitta da quella inglese.

Consolato: la costituzione dell’anno 8 del dicembre 1799 rafforzò notevolmente l’esecutivo affidandolo a Napoleone (Primo Console).

Plebiscito: è l’espressione del popolo chiamato a rispondere su una determinata questione.

Blocco continentale: misura di politica economica adottata da Napoleone che, attraverso il divieto di commerciare con la Gran Bretagna intendeva colpire la posizione geopolitica di quest’ultima.

Mobilità sociale: la società non era più rigidamente divisa negli ordini dell’Ancient Régime e permetteva di migliorare la propria condizione sociale.

Terra bruciata: è una tattica militare che prevede la distruzione di tutte le risorse che potrebbero cadere in mano al nemico.

Concordato: nel 1801 Napoleone stipula col Papa un Concordato col quale il cattolicesimo viene riconosciuto come religione, ma non come Chiesa di Stato.

  • Morte di Napoleone 5 maggio 1821.
  • Campagna militare in Italia 1796-1798.
  • Incoronazione imperiale di Napoleone 2 dicembre 1804.
  • Concordato con la Chiesa nel 1801.
  • Napoleone diventa console a vita nel 1802.
  • Napoleone viene esiliato all’Elba nell’aprile del 1814.
  • Campagna di Russia nel 1812.
  • Pubblicazione del Codice Civile nel 1804.

Come iniziò la carriera di Napoleone e che importanza ebbe l’aspetto militare?

Iniziò nelle accademie militari francesi e la carriera militare fu decisiva poiché gli permise la scalata al potere. Fu in particolare nella Tolone occupata dagli inglesi che si segnalò come abile gestore della situazione militare.

Quali importanti riforme realizzò Napoleone durante il suo governo?

Il Codice Napoleonico e il Concordato. Col primo vennero riconosciute la proprietà e la libertà individuali. Con il secondo venne riconosciuto il cattolicesimo come religione ufficiale ma sotto il controllo del governo.

Quale tattica militare adottò la Russia per sconfiggere Napoleone sul suo territorio?

La Russia adottò la tattica militare della terra bruciata.

Perché l’età napoleonica può definirsi un’epoca di innovazioni?

L’età napoleonica può definirsi un’epoca di innovazioni perché stabilizza alcune delle conquiste della rivoluzione, tralasciandone – tuttavia – l’aspetto sociale. Riesce a dare impulso al commercio (a parte la fase del blocco continentale) e al ringiovanimento politico con l’introduzione di leggi e codici tali da enfatizzare le libertà individuali.

Perché dopo l’esperienza rivoluzionaria e l’età napoleonica risultò impossibile ritornare al passato dell’Ancien Régime?

Perché ormai quelle istituzioni non esistevano più e la struttura sociale era stata profondamente scossa. L’alta borghesia non avrebbe più accettato di tornare nei ranghi ed essere sottoposta alle necessità dell’aristocrazia.

Sergio Mauri
Autore Sergio Mauri Blogger e studioso di storia, filosofia e argomenti correlati. Premio speciale al Concorso Claudia Ruggeri nel 2007; terzo posto al Premio Igor Slavich nel 2020. Ha pubblicato con Hammerle Editori nel 2014.