Dante Alighieri-V Canto dell’Inferno-Figure retoriche.

Dante. Inferno, Canto V°, Francesca da Rimini
Dante. Inferno, Canto V°, Francesca da Rimini, la letteratura, letteratura italiana, dante alighieri, sapegno divina commedia, divina commedia, la divina commedia,

di Sergio Mauri

Enjambements: vv. 7-8; 11-12; 23-24; 25-26; 64-65; 67-68; 70-71; 113-114; 127-128.

Che men loco cinghia:anastrofe (v. 2). Significa che “cinge uno spazio minore”.

Tutta si confessa: anastrofe (v. 8). Sta a significare che “si confessa tutta”, cioè senza nascondere alcun peccato.

Loco d’ogne luce muto: sinestesia (v. 28). Significa che è un luogo totalmente buio. La luce appartiene al senso della vista, il termine muto al senso dell’udito.

Come fa mar per tempesta: similitudine (v. 29). Sta a significare che “risuona come il mare in tempesta”.

Quivi le strida, il compianto, il lamento: ellissi (v. 35).

E come li stornei ne portan l’ali nel tempo freddo: similitudine (vv. 40-41). Sta a significare “e come d’inverno gli stornelli sono trasportati in volo dalle loro ali”.

E come i gru van cantando lor lai: similitudine (v. 46). Sta a significare “e come le gru emettono i loro lamenti”.

Quali colombe, dal disìo chiamate: similitudine (v. 82). Sta a significare “come le colombe chiamate dal desiderio”.

Che visitando vai: anastrofe (v. 89). Sta a significare “che vai visitando”.

O animal grazioso e benigno: sineddoche (v. 88). Si riferisce alla specie umana classificandola come genere animale.

Il re de l’universo: perifrasi (v. 91). S’intende Dio.

Dove nata fui: anastrofe (v. 97). Sta a significare “dove sono nata”.

Amor, ch’ a nullo amato amar perdona: annominazione (v. 103).

Amor: anafora (vv. 100, 103, 106).

Il disiato riso esser basciato: metonimia (vv. 133-134). L’astratto per il concreto.

Quel giorno più non vi leggemmo avante: preterizione (v. 138).

Come corpo morto cade: similitudine (v. 142). Sta a significare “e caddi come un corpo privo di vita”.

Sergio Mauri
Autore: Sergio Mauri, Blogger. Premio speciale al Concorso Claudia Ruggeri nel 2007; terzo posto al Premio Igor Slavich nel 2020. Ha pubblicato con Terra d’Ulivi nel 2007 e nel 2011, con Hammerle Editori nel 2013 e 2014, con PGreco nel 2015 e con Historica Edizioni e Alcova Letteraria nel 2022 e Silele Edizioni (La Tela Nera) nel 2023.
** Se puoi sostenere il mio lavoro, comprami un libro **