A che punto è la guerra.

Fallujah Refugees
Fallujah Refugees

di Sergio Mauri

Dovremmo finalmente iniziare a parlare del ritiro delle forze armate occidentali dai teatri di guerra in terra islamica: Iraq, Siria, Afghanistan, Mali, Corno d’Africa, Libia. Queste, negli anni ultimi 25 anni hanno distrutto quei paesi che, dovremmo sforzarci di ricordarlo, per un musulmano è Dar As Salam (terra della pace). In venticinque anni abbiamo chiesto ben poco, abbandonando – al contrario di ciò che fu fatto per il Vietnam – quei popoli al loro macabro destino.

Le persone cambiano insieme con i tempi di cui sono figlie. E’ inutile parlare di destra e sinistra quando si chiudono gli occhi su vicende così gravi.

Pensate un po’: che cosa fareste voi se il vostro paese fosse stato messo a ferro e fuoco da una coalizione di paesi afro-asiatici, di fede musulmana? Pensate che ci sarebbero giovani e meno giovani da reclutare per atti di terrorismo più o meno selvaggio? Io credo di si. Magari tanti novelli Breivik.

Quindi, non si tratta di una posizione pietistica, umanitaria o di altro tipo. Si tratta di una posizione politica. Forse anche di una posizione politica che conviene a tutte le forze in campo.

Sergio Mauri
Autore Sergio Mauri Blogger. Premio speciale al Concorso Claudia Ruggeri nel 2007; terzo posto al Premio Igor Slavich nel 2020. Ha pubblicato con Terra d’Ulivi nel 2007 e nel 2011, con Hammerle Editori nel 2013 e 2014 e con Historica Edizioni e Alcova Letteraria nel 2022 e Silele Edizioni (La Tela Nera) nel 2023.
** Se puoi sostenere il mio lavoro, comprami un libro | Buy me a book! **

About the Author

Sergio Mauri
Blogger, autore. Laurea in Discipline storiche e filosofiche. Premio speciale al Concorso Claudia Ruggeri nel 2007; terzo posto al Premio Igor Slavich nel 2020. Ha pubblicato con Terra d'Ulivi nel 2007 e nel 2011, con Hammerle Editori nel 2013 e 2014, con PGreco nel 2015 e con Historica Edizioni e Alcova Letteraria nel 2022 e Silele Edizioni (La Tela Nera) nel 2023.

Be the first to comment on "A che punto è la guerra."

Leave a comment