L’Illuminismo in Italia.

L'Illuminismo in Italia.
L'Illuminismo in Italia, cesare beccaria, gli illuministi al sud, gli illuministi in lombardia, illuminismo periodo, illuminismo, kant, immanuel kant, kant filosofia,

di Sergio Mauri

Il caso della Lombardia.

La Lombardia fu la regione che più risentì della spinta riformatrice dell’impero (asburgico). Personaggi importanti dell’Illuminismo lombardo furono i fratelli Verri che fondarono l’Accademia dei Pugni che a sua volta diede vita alla rivista “Il Caffé”. Anche Giuseppe Parini fu riformatore, cauto, ma sicuramente critico nei confronti della nobiltà della sua epoca.

Gli illuministi al sud.

I personaggi di punta dell’elaborazione teorica meridionale in senso riformatore furono Ferdinando Galiani e Antonio Genovesi. Tuttavia, le elaborazioni di costoro non ebbero seguito nella società come invece successe al nord  in virtù di un maggiore sviluppo economico e sociale.

Beccaria e il diritto di punire.

Beccaria fu il maggiore esponente dell’Illuminismo italiano. Autore di Dei delitti e delle pene egli si opponeva alla tortura e alla pena di morte. Secondo Beccaria lo Stato nasce da un contratto il cui scopo è: “la massima felicità divisa nel maggior numero”.

Il diritto di punire quindi serve a preservare la società da coloro che le arrecano danni, tuttavia le punizioni devono essere commisurate al danno. Per Beccaria, inoltre, ci deve essere l’uguaglianza di fronte alla legge a dispetto del ceto sociale di provenienza. Beccaria, dunque, propone una completa laicizzazione del diritto penale, ovvero il delitto non poteva essere considerato un peccato, ma come un danno sociale e la pena non un’espiazione, ma un risarcimento.

Sergio Mauri
Autore Sergio Mauri Blogger e studioso di storia, filosofia e argomenti correlati. Premio speciale al Concorso Claudia Ruggeri nel 2007; terzo posto al Premio Igor Slavich nel 2020. Ha pubblicato con Hammerle Editori nel 2014.