Il mercato (privato) degli anti-depressivi.

Drug_ampoule
Drug_ampoule

Viviamo in una società dove tutto può diventare “mercato”. Tutti i suoi bisogni possono essere monetizzati. Vagliati attraverso una griglia interpretativa economicista. Viviamo in una società materialista nel senso più spregevole del termine.
Gli anti-depressivi vengono somministrati anche ai bambini che manifestano dei disagi, dei disturbi psicologici, o addirittura se affetti da patologie. In Italia sono 700 mila i bambini che soffrono queste problematiche, tra malati o psicologicamente disagiati. 30 mila sono trattati farmacologicamente.
In USA, patria dell’uso dell’antidepressivo, ci sono stati anche dei minori morti a causa del loro uso. Bisogna ricordare che, i medicinali somministrati, sono in realtà per gli adulti.
L’uso degli anti-depressivi sottende ad una precisa mentalità ed idea del mondo e della vita: il disagio viene delegato ad una pastiglia o ad una legge; si tralascia, in questo modo, tutta la storia della persona; non si indaga. Un’ attitudine propria di quel pragmatismo di radice anglo-sassone e della sua applicazione in USA: semplificare tutto, ridurre a “tutto nero, tutto bianco” la complessità della vita.

Al contrario, dovremmo recuperare le storie personali, narrare e quindi valorizzare le personali esperienze di ognuno di noi. In questo senso torna utile una riscoperta della psicanalisi, esempio di approccio umanistico alla psiche dell’uomo.

Be the first to comment on "Il mercato (privato) degli anti-depressivi."

Leave a comment