Figure femminili e maschili nella Gerusalemme Liberata.

Il Proemio della Gerusalemme Liberata
il proemio della gerusalemme liberata,la gerusalemme liberata,torquato tasso,letteratura italiana,la letteratura

di Sergio Mauri

Erminia.

Amante ignorata ed infelice, come il Tasso, appassionata nel suo amore per Tancredi. Un amore pudico e trepido.

Clorinda.

Donna guerriera. Non è seduttrice né amante. Può essere la figurazione della donna di Corte superba ed impenetrabile, enigmatica. La sua conversione in punto di morte al cristianesimo ad opera di Tancredi che la uccide per errore è luce di grazia, adempimento di una predestinazione. Tasso la divinizza attraverso la morte.

Armida.

Doppia natura di maga e donna sensuale, perciò affascinante. Il magismo – per Tasso – è qualcosa di meramente intellettuale a cui egli non crede. Armida si innamora di Rinaldo. Rimane sempre maga e maliarda; donna astuta. Si sottomette alla morale, si converte e si ricongiunge all’amato Rinaldo.

Goffredo (di Buglione).

Perfetto eroe controriformistico, statico.

Rinaldo.

Fondatore della stirpe estense, entusiasta ed appassionato, è la parte celebrativa del poema.

Tancredi.

Malinconico e sfortunato come Tasso.

Sergio Mauri
Autore Sergio Mauri Blogger e studioso di storia, filosofia e argomenti correlati. Premio speciale al Concorso Claudia Ruggeri nel 2007; terzo posto al Premio Igor Slavich nel 2020. Ha pubblicato con Hammerle Editori nel 2014.