La politica dell’emergenza.

Emergenza
Emergenza

Si imputa – trasversalmente – al governo di lavorare solo per emergenze. Ed è vero: il governo lavoro per emergenze.

Tuttavia, le stesse cose le fa chi dice – trasversalmente – di opporvicisi: emergenza immigrati <–> emergenza antirazzismo, tanto per rimanere nell’attualità più attuale. Finita l’emergenza, tutto torna come prima. Si ritorna tutti al proprio posto.

È una questione, come dire?, sociologica, un modo di essere che partendo dalla svolta antropologica è diventata cultura.

Lavorare per emergenze significa voler rimanere nella stabilità sistemica e muoversi solo quando suona il campanello d’allarme che potrebbe mettere in pericolo quella stabilità.

Significa – essenzialmente – essere dei conservatori.

Be the first to comment on "La politica dell’emergenza."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*