Dalla padella Renzi alla brace Salvini-Di Maio. Considerazioni di mezza estate #2.

Luigi_Di_Maio,_2017,_Milano
Luigi_Di_Maio,_2017,_Milano

A fine anno si ferma il Quantitative Easing della BCE. Dopo, quindi, che si fa? Per rispondere a questa domanda bisogna tenere conto che, se in questi anni siamo cresciuti del 1-2%, come Europa mentre come Italia anche di meno, nonostante la bolletta energetica relativamente bassa, il QE della BCE e un mercato del lavoro deregolamentato, la risposta dovrà essere radicale.

Perciò: svolta socialisteggiante o iper-autoritaria; dare da mangiare ai milioni di disoccupati vittime della tecnologia oppure dimezzare d’imperio i salari per dare fiato ad un nuovo ciclo di accumulazione. Cosa già vista sotto il ventennio, peraltro.

Il duo Salvini-Di Maio racconta frottole, tanto che il ministro Giovanni Tria ha avvertito che mancano le coperture ai mirabolanti progetti promessi in campagna elettorale. Come già avevo osservato, consiglierei di realizzare tutte le promesse in un sol colpo, così poi l’Europa ci manda direttamente a fanculo!

Be the first to comment on "Dalla padella Renzi alla brace Salvini-Di Maio. Considerazioni di mezza estate #2."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*