Linee strategiche dell’amministrazione americana.

Linee strategiche dell'amministrazione americana
Linee strategiche dell'amministrazione americana, usa, barack obama,america, stati uniti, us,russia, cina, new york, usa russia, usa cina, usa news, blackwater, guerra alla droga, america latina, iran, afganistan,

di Sergio Mauri

Proseguire nella produzione e dislocazione missilistica a terra e nello spazio. Queste due cose non hanno a che fare per nulla con il terrorismo. Il terrorismo è un ottimo strumento alimentato da una campagna mediatica senza precedenti. Attraverso l’elezione del presidente Obama si vuole a) conquistare definitivamente la lealtà delle classi abbienti afroamericane; è stato eletto con questo mandato; egli è la dimostrazione che l’ascesa individuale di un coloured (non afroamericano, tra l’altro) rimane possibile, a patto che la massa del suo gruppo sociale e/o etnico rimanga tagliata fuori dal controllo vero del potere b) essere il collettore delle speranze e della rabbia delle minoranze c) un Impero che ha un respiro mondiale e vuole consolidarsi – anche in vista delle prossime sfide – deve presentarsi al mondo con la faccia della maggioranza del pianeta, che non è europea. Deve cadere ogni pregiudiziale razzistica per puntare al nocciolo della questione: il mantenimento del potere.

Contenere lo sviluppo cinese….a qualsiasi costo, anche militare.

Ciò si ottiene controllando tutte le fonti energetiche. Non è scontato un attacco all’Iran. Però sotto questo aspetto esso sarebbe necessario. Lo sviluppo dei sistemi missilistici di cui sopra è su questa strada. E’ in atto uno scontro epocale in Africa. Dobbiamo sperare nel successo degli USA o credere che i cinesi, come neo-impero, sarebbero migliori degli USA?

Da: informatioclearinghouse.info

La politica statunitense non è fatta da un individuo o da quanta fiducia la gente abbia in Obama. […] La politica statunitense sarà soggetta a spunti di questo tipo: la sua [del presidente] visione e posizione politica; la disastrosa situazione che la sua amministrazione eredita; le future ed imprevedibili crisi. […]

Ma è al tempo stesso interessante, per comprenderne gli esiti, vedere di chi egli si sta circondando […] mentre, francamente, ciò che si evince dalla politica estera, al momento, non è positivo. […] e vediamo che si sta ri-assemblando lo staff clintoniano alla Casa Bianca. […] la sua squadra di governo agli esteri è dominata dai falchi, la vecchia guardia democratica degli anni ’90. […] Ricordiamoci che negli anni ’90, quando Clinton fu eletto, egli continuò nel bombardare l’Iraq; presiedette ad un regime di dure sanzioni economiche che uccisero centinaia di migliaia di iracheni e sotto l’egida delle NO FLY ZONE, sostenne la più lunga campagna di bombardamenti dai tempi del Vietnam. Ci furono, inoltre, il bombardamento e la dissoluzione della Jugoslavia. Il Sudan e l’Afghanistan furono attaccati, Haiti destabilizzata e attraverso il NAFTA si ebbe il totale dominio delle multinazionali che ha così negativamente influito sui lavoratori USA e ha devastato i PVS. Egli accelerò la militarizzazione in America Latina con la scusa della “guerra alla droga” e sostenne la privatizzazione delle operazioni militari americane. Inoltre e al tempo stesso le armi americane venivano vendute alla Turchia e all’Indonesia che attuavano rispettivamente dei genocidi contro i Curdi e i Timoresi dell’est. […]

Le istanze da falco di Obama:

– Il suo piano per intensificare la guerra in Afghanistan

– Un piano iracheno che potrebbe ridimensionare e riqualificare l’occupazione delle forze americane in un futuro prossimo

– Il fatto che abbia etichettato la Guardia Rivoluzionaria Iraniana come una “organizzazione terroristica”

– La promessa di usare unilateralmente la forza in Pakistan per difendere gli interessi USA

– La sua posizione riguardo Gerusalemme […] che “deve rimanere indivisa” – una osservazione che ha fatto infuriare i funzionari palestinesi e che egli ha poi tentato di correggere

– Il suo piano per continuare la “guerra alla droga”, un piano di riserva americano campagna contro le insorgenze in America Latina

– Il suo rifiuto di regolamentare l’uso di Blackwater e altre forze armate private nelle zone di guerra statunitensi, nonostante l’introduzione della legislazione per regolamentare queste compagnie e portarle sotto la legge americana.

 

Sergio Mauri
Autore Sergio Mauri Blogger e studioso di storia, filosofia e argomenti correlati. Premio speciale al Concorso Claudia Ruggeri nel 2007; terzo posto al Premio Igor Slavich nel 2020. Ha pubblicato con Hammerle Editori nel 2014.

Be the first to comment on "Linee strategiche dell’amministrazione americana."

Leave a comment