Le coscenze all’asta. (Trilussa – Carlo Alberto Salustri).

Poesia
Poesia

Chi volesse comprà quarche coscenza
ne troverà de tutti li colori:
avanti, favorischino, signori,
prezzi da non temere concorrenza!…
Robba d’un fallimento!… — E er ciarlatano
aprì er fagotto che ciaveva in mano.

— Chi non prova non crede! Pe’ chi cerca
le coscenze politiche ne trova
una de poco prezzo, quasi nova,
confezzionata in vera guttaperca,
co’ l’ideali forti e garantiti
adattabbili a tutti li partiti.

Abbiamo una coscenza in cartapista
resistente a lo scrupolo e ar rimorso,
cucita co’ li fili der discorso
d’un membro der partito socialista,
tutto a vantaggio der proletariato
che rimane contento e minchionato.

Sotto a chi tocca! A li repubblicani
je la do cór fonografo, in maniera
ch’er giorno sona l’Inno e verso sera
rimanda la repubblica a domani:
come sistema è er mejo che ce sia
pe’ fa’ tranquillizzà la monarchia.

C’è pronta una coscenza nazzionale
inverniciata co’ la malafede,
con un tirante elastico che cede
dar Vaticano fino ar Quirinale;
è l’urtima che ciò: ‘sta settimana
ce n’è stata una vendita puttana! —

E er ciarlatano seguitò a annà avanti
a fa’ l’eloggi de la mercanzia;
però la gente se n’annava via
come volesse dije: nun m’incanti…
«Eppoi,» pensava «in fatto de coscenza,
male che vada, se ne pô fa’ senza!»

(1913)