Il capitalismo verde nelle società occidentali e lo sfruttamento dell’ambiente.

Il capitalismo verde nelle società occidentali e lo sfruttamento dell'ambiente
Il capitalismo verde nelle società occidentali e lo sfruttamento dell'ambiente, capitalismo verde, green new deal, green capitalism, ricambio organico uomo natura in karl marx,

di Sergio Mauri

Pratiche commerciali verdi nei paesi in via di sviluppo.

Il veicolo di questa insostituibile trasformazione è l’economia verde, che riunisce gli sforzi attuali del mondo per raggiungere uno sviluppo sostenibile, anche se declina secondo diverse accezioni settoriali e si adegua al livello di sviluppo dei diversi paesi e alle loro occupazioni. Un’economia verde implica una nuova prospettiva su problemi e sviluppo, nuove culture, diverse competenze e metodi di formazione.

Un’economia verde significa creare e promuovere misure economiche, legislative, tecnologiche e di educazione pubblica per ridurre i consumi di energia, rifiuti, risorse naturali e danni ambientali. A tal fine, la green economy promuove modelli di sviluppo sostenibile basati sull’uso di energie rinnovabili, sull’efficienza energetica, sul riciclo e sulla riduzione dei rifiuti.

Le implicazioni dell’economia verde mirano a compensare i potenziali danni all’ambiente causati dalle materie prime durante tutto il ciclo di lavorazione, dall’estrazione delle materie prime allo smaltimento o al riciclaggio del prodotto finito. Quanta energia è necessaria per l’intero ciclo di vita del prodotto? Quanti rifiuti vengono prodotti? In che modo la produzione influisce sull’ambiente? Questi sono solo alcuni dei problemi che si riflettono nella green economy.

Lo sfruttamento dell’ambiente da parte delle società occidentali.

L’ambientalismo occidentale è stato oggetto di aspre critiche, soprattutto dall’India, almeno dagli anni Novanta. Ramachandra Guha, a esempio, ha trovato radici razziste e coloniali nelle immagini della natura selvaggia, che hanno permesso ai nordamericani di ripulire le loro colpevoli coscienze urbane e industriali impossessandosi delle immagini dei parchi naturali creati dalle comunità indigene. Questo tumulto coloniale che accompagna le politiche ambientali dei ricchi in un certo senso perpetua il paradosso del Green New Deal. C’è stato a lungo un divario tra il discorso morale e universalista dell’ecologia (anche se si riferisce a questioni sociali) e l’oscura realtà della disuguaglianza materiale strutturale che si sforza di colmare. Quindi sappiamo che la superiorità morale dell’ecologia non ha nulla a che fare con le parole, deve essere costruita piuttosto che presupposta, poiché queste sono spesso idee di pace formate in un mondo violento.

Nell’ultimo decennio abbiamo assistito al declino del capitalismo, la cui conseguenza è stata un aumento della disoccupazione, della povertà e dello sfruttamento, sempre più accompagnato dall’esaurimento delle risorse del pianeta, come è per sua stessa natura. Di conseguenza, le critiche al saccheggio del pianeta da parte del sistema sono cresciute, alimentate da campagne e lotte che cercano di interferire nel processo decisionale politico ed economico internazionale. Tuttavia, ciò non ha comportato alcun cambiamento sostanziale nel rapporto tra uomo e ambiente, come dimostra il maldestro tentativo di raggiungere un accordo sulla produzione globale di gas serra, che si è concluso con una risoluzione, nota come COP 21, inadeguata, anzi, essa rischia di diventare lettera morta. La maggior parte dei capi nel mondo lotterebbero contro quella che vedono come una camicia di forza per l’accumulazione di profitti. Tuttavia, se parti della produzione fossero state riconvertite per sfruttare appieno le possibilità offerte dal nuovo settore produttivo, l’economia verde avrebbe potuto godere di un maggior consenso capitalistico. L’assenza di una prospettiva di classe e l’incomprensione dei meccanismi che guidano il sistema ha esacerbato il conflitto mettendo su fronti opposti chi lotta per la tutela dell’ambiente e della salute e chi deve difendere il proprio posto di lavoro e il proprio futuro. Quindi, i lavoratori dell’industria automobilistica e siderurgica, per citare solo due casi, si trovano isolati da un lato da coloro che contestano e chiedono la fine dell’impatto devastante di questi prodotti sull’ambiente, dall’altro soffrono di più rispetto ad altri, dei metodi di produzione dannosi per la salute umana. Il punto è sperare di sgombrare il campo che vede da un lato difendere la salute e l’ambiente e dall’altro opporsi al diritto al lavoro, fornendo alcuni strumenti analitici e portando avanti alcuni slogan programmatici che possano unire chi lotta contro la distruzione e lo sfruttamento dell’ambiente.

Nella riflessione marxista, l’ecologia non ha spazio per l’autonomia. Vivendo in un’era in cui lo sviluppo industriale non produceva lo sconvolgimento che vediamo oggi, il pensatore di Treviri non hanno dovuto affrontare le conseguenze ambientali della produzione industriale su larga scala. Ciò non significa che i suoi giudizi sul rapporto tra uomo e natura nell’ambito della produzione capitalistica non siano ancora validi, né manca di suggerire possibili soluzioni per correggere le distorsioni che questo sistema produttivo crea in questo rapporto di produzione. In particolare, Marx ai suoi tempi dovette fare i conti con la prima catastrofe creata dallo sfruttamento incontrollato dei terreni agricoli, che, negli anni Quaranta dell’Ottocento, portò alla progressiva sterilità dei terreni e alla conseguente crisi agricola con le conseguenze devastanti della carestia. Questo lo ha portato a riflettere sul meccanismo attraverso il quale il sistema produttivo capitalistico sfrutta la natura da un lato, e il posto dell’uomo nella natura dall’altro. Già nei Manoscritti del ‘44 la posizione dell’uomo nei confronti della natura è intesa come una relazione interdipende

Sergio Mauri
Autore Sergio Mauri Blogger e studioso di storia, filosofia e argomenti correlati. Premio speciale al Concorso Claudia Ruggeri nel 2007; terzo posto al Premio Igor Slavich nel 2020. Ha pubblicato con Hammerle Editori nel 2014 e con Historica Edizioni nel 2022.