Commemorare assassini, stupratori e torturatori, uno spasso tutto italiano.

Italians_burning_villages_in_Croatia
Italians_burning_villages_in_Croatia

Apprendiamo, stupiti, l’orrore del conferimento di una medaglia in memoria di Paride Mori, con le seguenti motivazioni: « In riconoscimento del sacrificio offerto per la patria ». Vorremmo sapere di che cosa la patria deve essergli riconoscente!

Il presidente della Camera, Laura Boldrini e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Delrio, con la partecipazione del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, sono gli esecutori materiali di ordini superiori che arrivano direttamente dalla presidenza del Consiglio e dagli Stati maggiori dell’Esercito. Un’onoreficenza, peraltro, non in tema con la giornata del Ricordo, poiché il Mori fu giustiziato dai compagni partigiani ben prima della fine della guerra e della sceneggiata oscena sulle foibe che viene ripetuta, con menzognero cinismo, ogni 10 febbraio.

Costoro, evidentemente, non conoscono la storia e non sanno che Paride Mori apparteneva al Battaglione Mussolini aggregato alle Waffen SS, responsabili entrambi di stupri, torture, stermini e terrorismo con mezzi militari perpetrati peraltro in una terra straniera che avevano invaso e distrutto. La giustizia dei partigiani ha già fatto il suo corso, 75 anni fa. Che l’Italia ufficiale di oggi si accontenti di esprimere solidarietà ai criminali nazifascisti.

***Aggiornamento: dopo faticosa presa di coscienza, le istituzioni italiane hanno revocato la medaglia in memoria.***

** Se puoi sostenere il mio lavoro, comprami un libro | Buy me a book! **

About the Author

Sergio Mauri
Blogger, autore. Laurea in Discipline storiche e filosofiche. Premio speciale al Concorso Claudia Ruggeri nel 2007; terzo posto al Premio Igor Slavich nel 2020. Ha pubblicato con Terra d'Ulivi nel 2007 e nel 2011, con Hammerle Editori nel 2013 e 2014, con PGreco nel 2015 e con Historica Edizioni e Alcova Letteraria nel 2022 e Silele Edizioni (La Tela Nera) nel 2023.

Be the first to comment on "Commemorare assassini, stupratori e torturatori, uno spasso tutto italiano."

Leave a comment