Siria, un film già visto.

Russian Defense Ministry spokesman, Maj. Gen. Igor Konashenkov, speaks at a briefing in front of a screen showing Syrian children in a hospital at a briefing at the Russian Defense Ministry in Moscow on Friday, April 13. Konashenkov accused Britain of staging a fake chemical attack in the Syrian town of Douma last weekend. (AP Photo/Alexander Zemlianichenko)
Russian Defense Ministry spokesman, Maj. Gen. Igor Konashenkov, speaks at a briefing in front of a screen showing Syrian children in a hospital at a briefing at the Russian Defense Ministry in Moscow on Friday, April 13. Konashenkov accused Britain of staging a fake chemical attack in the Syrian town of Douma last weekend. (AP Photo/Alexander Zemlianichenko)

Un film già visto che ci rimanda addirittura alla Prima Guerra del Golfo.  Già visti anche i pretesti occidentali, buoni per tutte le stagioni e per tutti i palati. Un attacco, peraltro, che scavalca bellamente il Congresso Americano, l’ONU e la Commissione Internazionale preposta  alla verifica dell’uso di armi chimiche. Alla faccia del tanto strombazzato diritto.

Circa cinque anni fa avevamo assistito alla solita pantomima e ne avevo scritto qui. Sarà anche molto interessante vedere la reazione del mondo politico italiano, più o meno ufficiale, a questa situazione. (Più sotto ci sono degli aggiornamenti in proposito).

Ma la cosa veramente oscena è che americani, inglesi e francesi, a vario titolo responsabili della situazione siriana, ma anche in altre parti del mondo, hanno lanciato più di 100 missili di avvertimento in territorio siriano in risposta all’uso (presunto) di armi chimiche quando, soprattutto i primi, hanno scaricato sulle popolazioni civili non solo il famigerato napalm, ma l’uranio impoverito e il fosforo bianco.

P.s.: nell’ immagine di testa a questo articolo si può vedere la conferenza stampa russa dove si producono le “prove” della montatura sull’uso delle armi chimiche. Non sappiamo bene di che cosa si tratti, per cui al momento è necessario avere un pò di pazienza e seguire lo svolgimento dei fatti.

***AGGIORNAMENTO***  ORE 13.30

  • Il M5S, quello dei “diversi dagli altri” ribadisce la propria fedeltà all’Alleanza Atlantica.
  • Gentiloni, nella modestia di se stesso, dice che le armi chimiche ci sono. Ribadisce la giustezza dei bombardamenti e la fedeltà all’Alleanza.
  • LeU chiede che il governo riferisca in aula. (Non si sa mai, magari il governo in aula può dire cose giuste…..).
  • Salvini è contrario all’intervento, così come la Meloni…. Rendetevi conto di come siamo messi male…..

***AGGIORNAMENTO***  ORE 14.10

  • Forza Italia vuole a tutti i costi dare un governo di centrodestra all’Italia….bisogna partecipare alla festa!
  • Ricompattare l’Occidente, da Israele agli USA. Israele vuole forse sconfinare in Siria?
  • Anche quei tromboni dei canadesi sostengono gli USA.
  • Arabia Saudita e Turchia sostengono gli USA! Come volevasi dimostrare.

Be the first to comment on "Siria, un film già visto."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*