Perché Grillo non ha inventato alcun populismo?

Beppe Grillo
Beppe Grillo

Mi risulta che Repubblica, in tutti questi anni non certamente contro il PD, sia una testata nata nel 1976, per collocarsi nell’area della sinistra laica e riformista (non marxista). Ha un taglio molto critico ad ampio spettro, attraverso il quale, negli anni dei grandi movimenti popolari in Italia, riesce a ritagliarsi un suo spazio di mercato. Contribuisce a creare nel tempo un’immagine dell’Italia come di un paese corrotto, pieno di intrallazzi, con scandali endemici. Vede poi nel PCI-PDS-DS-PD (il partito dell’abiura) il miglior interlocutore depoliticizzato e gentrificato per una svolta “responsabile” e di “sinistra”, utilizzando il serbatoio di consenso che il PCI si era costruito in anni migliori, anche con grossi sacrifici a livello personale da parte dei militanti di quel partito.

Il settimanale “L’Espresso”, che fa parte dello stesso gruppo editoriale, nasce nel 1955 e si contraddistingue anch’esso per un taglio scandalistico, ma anche d’inchiesta, anticipando di decenni sia le esperienze tipo “Il Fatto Quotidiano”, sia di un certo giustizialismo populista, di cui anche Grillo è intriso. Peraltro, alcune “inchieste” (come quella su Leone) si riveleranno non precisamente fondate, con ripercussioni legali pesanti per il settimanale stesso. Se poi vogliamo guardare a destra, abbiamo giornali come “Il Giornale”, “Libero”, “La Padania”….che si sono imposti al pubblico… per il savoir faire ed il rispetto per tutti gli esseri umani e certamente non hanno mai sparso veleno in questo paese!! Media di massa peraltro posseduti o indirizzati da un politico di primo piano e addirittura primo ministro della repubblica!

Poi, potremmo anche ricordare la stagione dei “comici di sinistra”, tra gli anni ’90 e 2000, i quali con il sublime tono di chi è ‘ggiovane, ma ne conosce tante, facevano satira anche feroce. La satira diventava il terreno di scontro verbale e giuridico prescelto, poiché la politica era vista come “sporca” da una parte e troppo pericolosa dall’altra. Finite le ideologie finivano le idee e gli ideali e la combattività delle persone, mentre si affermava la guerra intestina tra comitati d’affari.

Pertanto, imputare a Grillo l’origine del veleno sparso in questi anni mi sembra alquanto singolare, per non dire altro.

Il problema è che in Italia la colpa è sempre dell’ultimo arrivato che rischia di rubarti il pezzetto di pagnotta che ti sei sudato stando sempre prono.

Be the first to comment on "Perché Grillo non ha inventato alcun populismo?"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*