L’ora legale, un film di Ficarra e Picone.

L'ora legale di Ficarra e PiconeL'ora legale di Ficarra e Picone

Tante risate, un film sicuramente da vedere, ma anche tanta capacità di cogliere i tic e le falle etiche degli italiani. Sono questi gli ingredienti del film, dosati bene, seppure la conclusione dello stesso induca ad una certa depressione. Ficarra e Picone, con il loro stile espressivo non solo forgiato dai e per i palcoscenici teatrali, ma anche fortemente innervato dalle memorabili lezioni degl’imprescindibili Franco e Ciccio, contribuiscono alle “risate consapevoli” che erompono spontanee durante la visione del film.

E’ un film sui vizi degli italiani, sulla loro superficialità, corruttibilità, indisciplina, pigrizia, ignoranza, stupidità, tutte caratteristiche capaci di risucchiare in un gorgo di ignavia coloro che ne sono colpiti. Una specie di malattia nazionale, di massa, un virus che sembra non lasciare scampo al nostro paese, così meraviglioso e sfortunato al tempo stesso. Non una malattia genetica – comunque – ma una infermità culturale, un morbo il cui codice genetico (quello si) si compone di assenza di lavoro ed esperienze correlate, di individualismo sfrenato, di mancanza di rispetto verso se stessi ed il prossimo.

Come stimolo aggiuntivo, sottolineo la meravigliosa fotografia di Termini Imerese, dove il lungometraggio è stato girato, che caratterizza il film stesso rendendolo anche testimone delle meravigliose bellezze della terra siciliana.

Un film che fa riflettere, un film da vedere. Divertendosi.

Be the first to comment on "L’ora legale, un film di Ficarra e Picone."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*