L’etica protestante.

Die_protestantische_Ethik_und_der_'Geist'_des_Kapitalismus_original_coverDie_protestantische_Ethik_und_der_'Geist'_des_Kapitalismus_original_cover

Molti confondono Halloween con un’americanata. Non è così, visto che è nata nelle Isole britanniche, al tempo dei Celti, popolazione che abitava diverse regioni d’Europa. Segnava l’inizio dell’inverno e, in quella notte, era possibile incontrare i defunti, per cui i tavoli venivano imbanditi con dei posti liberi alla bisogna, così anche gli spiriti dei trapassati potevano mangiare ed incontrare i vivi.

Gli americani, ovviamente, lo hanno fatto diventare un business. Tuttavia, l’argomento principale non era questo, bensì l’etica protestante. Halloween è stato semplicemente l’espediente che mi ha ricollegato all’argomento.

Il 31 ottobre scorso c’è stato il 500° anniversario delle 95 tesi che Martin Lutero ha martellato sul portone della Chiesa di Wittenberg. Un evento importante per tutta la cristianità, l’Occidente, il mondo intero. Parliamo quindi di etica protestante. Leggiamo, in proposito, Marx:

Infatti il passato rivoluzionario della Germania è teorico: è la Riforma. Allora la rivoluzione ebbe inizio nella testa di un monaco, oggi in quella di un filosofo.

Lutero, invero, vinse la servitú per devozione sostituendovi la servitú per convinzione. Egli ha spezzato la fede nell’autorità, restaurando l’autorità della fede. Egli ha trasformato i preti in laici, trasformando i laici in preti. Egli ha liberato l’uomo dalla religiosità esteriore, facendo della religiosità l’interiorità dell’uomo. Egli ha svincolato il corpo dalle catene, incatenandone il cuore.

Ma se il protestantesimo non costituí la vera soluzione, diede tuttavia origine a una giusta formulazione del problema. Non si trattava piú della lotta del laico contro il prete, ossia contro qualcosa di esterno, bensí contro il suo proprio prete interiore, contro la sua natura pretesca. E se la metamorfosi protestante dei laici tedeschi in preti ha emancipato i papi laici, ossia i príncipi con il loro clero, i privilegiati e i filistei, la metamorfosi filosofica dei preti tedeschi in uomini emanciperà il popolo. Ma come l’emancipazione non si limitò ai príncipi, cosí la secolarizzazione dei beni non si limiterà alla spoliazione delle chiese, che fu praticata soprattutto dall’ipocrita Prussia. Allora, la guerra dei contadini, l’evento piú radicale della storia tedesca, fu annientata dalla teologia. Oggi che la stessa teologia è tramontata, il fatto piú illiberale della storia tedesca, il nostro status quo, s’infrangerà contro la filosofia. Alla vigilia della Riforma, la Germania ufficiale era il piú incondizionato servo di Roma. Alla vigilia della sua rivoluzione, essa è il servo incondizionato di qualcosa di ben inferiore a Roma: della Prussia e dell’Austria, dei nobilastri di campagna e dei filistei.

Marx, Critica della filosofia del diritto di Hegel. Introduzione

Molto interessante e pieno di stimoli per una riflessione completa sul tema. Nella storia della Chiesa già le eresie avevano dimostrato che non ci fosse un pensiero unico all’interno della cristianità e questo, non semplicemente o non solo per questioni strettamente teologiche o liturgiche. Ma per questioni ontologiche. Peraltro gli ordini regolari dei Francescani e dei Domenicani, diversi secoli prima, nascono dall’interno della Chiesa, per salvarla, proprio per contrastare le eresie proponendo stili di vita maggiormente consoni all’ideale cristiano più puro e conseguente.

Nel corso dei secoli, tuttavia, la grande questioni del senso, del significato, dei contenuti della religione, l’emergere di insopprimibili (proprio perché molto umane) richieste di autenticità e significato profondi in ciò che si dice e si fa non sarà mai sopita, sfociando poi nel fiume in piena della Riforma che, tuttavia, testimonia anche l’affermarsi politico e sociale di una nuova classe sociale con i suoi obiettivi, ideologia e punti di riferimento: la borghesia.

Concludo questo breve testo chiedendomi se sia possibile definire in una frase l’etica protestante. La risposta è si: l’etica protestante si può ben spiegare, riassumere, come segue; quando un’avance sessuale è condannata socialmente più del bombardamento a tappeto di intere regioni del pianeta, allora stai ammirando l’etica protestante.

Be the first to comment on "L’etica protestante."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*