La questione dell’indipendenza è dirimente fra gli operatori d’arte.

contemporaryUno degli argomenti chiave degli operatori dell’arte contemporanea, siano essi società di investimento, gallerie o case d’asta o semplici consulenti d’arte, è quello di sostenere di essere indipendenti, di non essere legati ad alcuna banca o finanziaria, eccetera. Non c’è che dire, il proposito è ottimo, chi potrebbe affermare il contrario? Nessuno. E anche noi ci uniamo al coro di “mi piace” in stile web 2.0.

Tuttavia il punto non è questo. Il punto è: come faccio a distinguere chi dice la verità da chi millanta? Perché è di questo che si finisce per parlare quando si affronta il discorso dell’indipendenza.

Intanto, come già affermato, applicare sempre la regola aurea delle 3 variabili: l’originalità, il valore emozionale, il carattere iniziatico dell’opera. A questo punto chiederete: ma che c’entra questo con l’indipendenza degli operatori? C’entra, eccome se c’entra. Mai separare le azioni delle persone che vi stanno di fronte, pensando che distinguere sia sufficiente a capire. Per comprendere veramente bisogna ricondurre ad unità le varie parti in cui si suddivide il tutto. Attraverso le opere esposte o proposte, capiamo, ovviamente, chi è, che cosa vuole, quale sia il grado di autenticità di colui che espone e propone.

Poi, valutare seriamente quale sia il grado di coinvolgimento di costoro nel mainstream cultural-artistico. nemmeno questo è facile ma ricordate come l’informazione nel mondo dell’arte, dove i vostri soldi abbiano un qualche rilievo di protagonismo, sia fondamentale. Non è un optional: è di basilare importanza! Non delegate mai, non conviene. Sapete già che la nostra opinione è quella secondo cui il mainstream non sia sempre garanzia di onestà e successo. Ci sono anche grosse realtà che funzionano bene anche se solo sul versante del denaro: infatti hanno come unico parametro quello e solo quello. In un certo senso, non lato ma abbastanza stretto, prosciugano l’arte e non ne riproducono il fattore creatività ed espressione, di fondamentale importanza per poterla far vivere e riprodurre normalmente.

Ma, di fondamentale importanza è constatare che l’indipendenza nel mondo dell’arte è una tautologia inversa, anzi una stronzata fenomenale, che tradisce le pessime intenzioni di chi la afferma. Chi parla di arte e la tratta da un punto di vista sia estetico che artistico deve essere strettamente dipendente dagli artisti come dal pubblico di fruitori o acquisitori delle opere stesse, proprio in virtù del coinvolgimento delle vite di tutti costoro che con la propria creatività, lavoro, danaro, fanno vivere il network.

Be the first to comment on "La questione dell’indipendenza è dirimente fra gli operatori d’arte."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*