La porta verso il futuro.

Mall_culture_Jakarta
Mall_culture_Jakarta

Il consumismo, cinquant’anni fa, è stato la porta verso il futuro….La gente accumula capitale emotivo oltre che soldi in banca e ha bisogno di investire quelle emozioni in una figura di leader. Non ha bisogno di fanatici in divisa che delirino affacciati a un balcone. La gente vuole un presentatore televisivo con degli ospiti che parlino con garbo di faccende che la riguardano direttamente. Ma anche no: si assoldano degli hooligans del teleschermo, alcuni con fittizi blasoni costruiti di recente, con giacche posticce da intellettuali pronti ad azzannarsi fra loro e a scannare l’avversario.

E’ un nuovo tipo di democrazia, si vota alla cassa invece che alle urne. Il consumismo è lo strumento migliore mai inventato per controllare le persone. Nuove fantasie, nuovi sogni, nuove antipatie, nuove anime da salvare. Per qualche strana ragione chiamiamo tutto questo shopping. Ma, in realtà, è la forma più pura di politica.

Il populismo mediatico è la manifestazione di questo tipo di ordine sociale. Ma qual è il messaggio propugnato?

Non c’è un vero e proprio messaggio tradizionalmente inteso. I messaggi fanno parte della vecchia politica e non c’è un Führer che sbraita ai suoi soldati. Questa è la politica vecchia. La politica nuova parla dei sogni e delle necessità delle persone, delle loro speranze e delle loro paure. Il suo ruolo è quello di dare più potere a queste persone. Non serve dire al pubblico cosa pensare. Basta farli uscire allo scoperto, incoraggiarli ad aprirsi e a dire cosa provano. Non ci sono messaggi in senso tradizionale, ma divise si, eccome. Quest’anno tutte con gli stivaloni.

Be the first to comment on "La porta verso il futuro."

Leave a comment