Il presente futuro.

Brain_drain
Brain_drain

Tre sono i livelli in cui si combatte, non più “solo” due (struttura e sovrastruttura):

  1. La base materiale (la struttura) in cui si producono le merci, dove ci sono i rapporti sociali di produzione. Qui operano le classi sociali. Qui abbiamo il salario, il profitto, l’interesse.

  2. La società civile, luogo dove si producono le ideologie (scuola, chiesa, mass media, partiti, sindacati). Qui si realizza la lotta di lcasse nelle idee. È il piano dell’egemonia.

  3. Lo Stato, momento del politico, piano del dominio o del governo.

Su questo schema, inseriamo i seguenti fatti occorsi in tempi recenti ed ancora in via di sviluppo.

Draghi: bisogna aumentare i salari…..aggiungo io per fare l’industria 4.0 ; aumentare la produttività del lavoro per investire in macchinari; per aumentare le macchine bisogna aumentare i salari (Marx, ma anche Einaudi).

Siamo di fronte ad una esplosione salariale necessaria al capitale per diventare 4.0, c’è il rischio di danneggiare gli interessi e i profitti. C’è, quindi, un nesso tra economia e sviluppi politici recenti, in particolare per quelli dopo il 2008. Un nesso nel quale l’industria 4.0 è un effetto del processo storico che poi satrà la causa di altri sviluppi.

In questo quadro si possono leggere le leggi e le politiche repressive e di controllo e l’avvento della stessa destra populista fa parte di questo schema. Uno schema che potrebbe durare (che anzi quasi sicuramente durerà, con progressivi aggiustamenti, anche nel personale politico) a lungo, poiché la sinistra socialdemocratica e/o radicale, alleati o meno, non sono più funzionali allo schema di sopravvivenza del capitale per sé.

Perciò da Trump alle guerre tecnologiche e commerciali tra Europa, Cina e Stati Uniti, nulla è casuale.

Be the first to comment on "Il presente futuro."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*