Dalla padella Renzi alla brace Salvini-Di Maio. Considerazioni di mezza estate #3.

Classe
Classe

Ritorna alla ribalta il vecchio e stantio tema dei bambini stranieri nelle scuole italiane che dovrebbero essere limitati nel numero poiché sarebbero una palla al piede delle classi italiane: vedi il caso di Monfalcone.

Alcune considerazioni: 1-la scusa dell’apprendimento e della difficoltà di apprendimento (comune ad italiani e stranieri) serve a mascherare una misura discriminatoria, attuata per carpire il consenso della gente; 2-l’apprendimento di una lingua per coloro che non l’hanno come lingua madre non può essere parametrata su coloro che invece ce l’hanno, poiché nulla dimostra delle capacità intellettive del bambino; 3-di solito, con lungimiranza, si aiutano a migliorare quelli che non ce la fanno; 4-meno alunni stranieri nelle scuole significa meno alunni tout-court. Perciò meno insegnanti; ulteriore diminuzione di posti di lavoro nella scuola, perdita di peso degli insegnanti e del sistema educativo. Proprio ciò di cui l’Italia non ha bisogno.

Be the first to comment on "Dalla padella Renzi alla brace Salvini-Di Maio. Considerazioni di mezza estate #3."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*