Classificazioni di beni e servizi presenti nel patrimonio aziendale. Interesse semplice e composto.

RagioneriaRagioneria

Esempio: l’1/12 si stipula un contratto annuale di locazione

Canone annuale 12.000 €

Regolamento anticipato

all/1/12 l’impresa diventa creditrice di 12 mesi di servizio di locazione da ricevere:

credito di servizi: bene stimato 12.000 € all’1/12.

Ogni giorno l’impresa utilizza 1/365 del servizio complessivo e sostiene un costo di utilizzo

                                 1

giornaliero pari a —- 12.000 = 32,88 €

                              365

CLASSIFICAZIONE DI BENI E SERVIZI PRESENTI NEL PATRIMONIO

Beni ad immediato ciclo di utilizzo o a lungo ciclo di utilizzo.

Beni e servizi a fecondità semplice (ad uso immediato) si esauriscono in un singolo atto produttivo e sono: acquisti (di fattori produttivi), trasformazioni (di fattori produttivi in prodotti), vendite (di prodotti).

Si esauriscono nel singolo atto di pagamento: liquidità nella “Cassa” nel C/C bancario, materie, merci e prodotti.

Le materie si esauriscono con un singolo atto di trasformazione. Merci e prodotti si esauriscono in un singolo atto di vendita.

Il servizio lavoro, il servizio di locazione, il servizio di finanziamento, pure si esauriscono in singoli atti di produzione.

I beni a fecondità ripetuta o beni ad uso durevole (a lungo ciclo di utilizzo) sono i capitali fissi materiali (beni in proprietà, altrimenti se in leasing diventano a fecondità semplice) cioè i fabbricati, mobili e arredi, l’attrezzatura informatica, gli impianti, gli automezzi.

I servizi, in quanto beni immateriali, ad uso durevole e a fecondità ripetuta o capitali fissi immateriali sono: brevetti, invenzioni industriali, spese di impianto o di costituzione (Avviamento).

Interesse con il tempo in anni.

Interesse semplice.

  1. Rossi presta 20.000 € a Bianchi per 1 anno e chiede una remunerazione pari al 4% (del capitale).

         I                     II                                III                                          IV
100 capitale : 4 remunerazione = € 20.000 capitale complessivo: I Interesse

      20000 · 4

I = ———— = 800 Interesse

           100

2° Caso – Variante : durata del prestito : 2 anni

                        interesse

                         su 100 €

                        per 2 anni

100 € : (4 · 2) = 20000 : I

capitale |    |          €     (x)

              \/   \/

              r   t

r = remunerazione (l’interesse) su € 100 di capitale per 1 anno, per u periodo annuale = tasso di interesse.

t = tempo in anni

                  C        r   t

              20000 · (4 · 2)

I = ——————————- = 1600

                    100

Formula dell’interesse con il tempo in anni secondo la legge dell’interesse semplice :

       C · r · t

I = ————-

          100

3° caso:

C = 20000 = entità del capitale

r = tasso d’interesse = 4 %

t = 3

         C · r · t            20000 · (4 · 3)

I = —————– = —————— = 2400

          100                       100

N.B.: con t = 2, gli interessi maturati al termine del 1° anno sono corrisposti congiuntamente agli interessi del 2° anno, tutti al termine del 2° anno.

I = 800                                                                         I = 800

1° anno 2° anno

C = 20000

= C + I = 20000 + 1600 = 21600 Montante (M)

Il Montante è la somma complessiva che il creditore realizza al termine del rapporto di credito; comprende la restituzione del capitale dato in prestito (C) + gli interessi complessivi di tutti gli anni di durata del prestito.

Legge dell’interesse semplice – durata 3 anni.

I = 800 I = 800 I = 800

C = 20000

M = C + I = 20000 + 2400 = 22400

Con la legge dell’interesse semplice, con t > 1, gli interessi relativi al 2° e al 3° anno maturano sempre sul capitale originario di 20000 €, nonostante il creditore presti effettivamente nel 2° anno 20800 € e nel 3° anno 21632 € (vedi sotto).

Questa anomalia della legge dell’interesse semplice viene risolta con la legge dell’interesse composto.

t0

C + I 1 + I2 +I3

                                                      M1                                             M2                                               M3

  20000    +    800   =  20800    +    832    +  21632   +   865,28  = 22497,28

                                                         C · r · t           20000 · 4 · 1

Interesse del primo anno (I1) = —————– = —————–

                                                           100                    100

M1 = C + I1 = 20800

             M1 · r · 1          20800 · 4 · 1

I2 = ——————- = —————— = 832

                100                      100

M2 = M1 + I2 = 20800 + 832 = 21632

            M2 · r · 1          21632 · 4 · 1

I3 = ——————- = —————– = 865,28

               100                      100

M3 = M2 + I3 0 21632 + 865,28 = 22497,28

Somma complessiva che realizza il creditore al termine del 3° anno (rispetto a 22400 secondo la legge dell’Interesse semplice).

Formula del Montante secondo la legge dell’Interesse composto.

Premessa : r = 4% equivale a i = 0,04 (remunerazione per 1 anno di 1 € di capitale

                          |

                         \/

remunerazione per 1 anno di 100 € di capitale

Quindi con la legge dell’Interesse semplice

        C · r · t          20000 · 4 · 1                        r

I = ————- I = —————–  = poiché  ———  = i

                                                                      100

I = C · i · t I = 20000 · 0,04 · 1

Be the first to comment on "Classificazioni di beni e servizi presenti nel patrimonio aziendale. Interesse semplice e composto."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*