Arte e realtà: quale rapporto?

Arte
Arte

Andare oltre la realtà in arte. Un percorso imprescindibile. Andare oltre la realtà, non significa dissociarsi da essa, staccarsene, bensì attingervi. Significa, anche, andare oltre una rappresentazione/riproduzione pedissequa dell’arte stessa. Riprodurre semplicemente lo scorrere della vita è un atto inutile. Modificare, enfatizzare certe parti dello scorrere della vita per piegarle alla propria esigenza di esseri umani – a dire qualcosa – è l’unica cosa che ha significato. L’uomo esiste solo attraverso il suo percorso di errori, di ricerche, talvolta inutili, di significati, di successi e tragedie. Senza questo non ci sarebbe significato e nemmeno senso. La vita, senza questa lotta e ricerca continue rimarrebbe al livello di mera esistenza. Esattamente come per una pietra.

Le opposizioni polari su cui si gioca la tensione creatrice e le sue conseguenti possibilità si articolano così: realtà e verità; prassi e ideale; prosa e poesia. Per cambiare, modificare la realtà e trovare la verità bisogna – necessariamente – rompere con la prima o – quantomeno – sospenderla.

Tutto ciò può essere racchiuso in un discorso più ampio, quello della filosofia e della storia dell’arte che, necessariamente, detiene un profilo critico. Per inquadrare una critica e una storia dell’arte, due sono le grandi “scuole” filosofiche: quella idealistica e quella materialistica. Quella per cui l’idea genera la realtà e l’altra per cui la realtà genera l’idea. L’una che sostiene che la realtà conoscibile può essere quella dell’idea (soggettività); l’altra per cui la realtà è preesistente a qualsiasi idea che ci si può fare su di essa. Noi scegliamo, però, la saggezza: la terza via dell’influenza reciproca tra soggetto e oggetto (ammesso che esistano veramente e fra loro distinti e nell’accezione che il linguaggio, coi suoi limiti, c’impone).

Be the first to comment on "Arte e realtà: quale rapporto?"

Leave a comment